Sezione Saggistica

Claudio Fogu (Presidente) – E’ professore associato e direttore del programma di italianistica presso l’Università della California di Santa Barbara (UCSB), e si è occupato per molti anni di storia e memoria del fascismo su cui, oltre a numerosi saggi, ha anche pubblicato The Historic Imaginary. The Fascist Politics of History (Toronto UP 2003) e curato The Politics of Memory in Postwar Europe (Duke UP 2006) and Probing the the Ethics of Holocaust Culture (Harvard UP 2016). Dal 2009 conduce un programma di studi estivo sull’isola di Procida in collaborazione con l’università L’Orientale dedicato alla storia d’Italia vista dal punto di vista del Mediterraneo. In linea con i suoi interessi sulla storia e l’immaginario mediterraneo ha curato il primo numero della rivista da lui fondata California Italian Studies intitolato “Italy in the Mediterranean,” pubblicato numerosi saggi in riviste specializzate nel settore, ed è sta ultimando una monografia intitolata Making Italians, Making Southerners. The View from the Mediterranean.

Sebastiano Tusa – Laureato in Paleontologia. Dirigente della Regione Siciliana, negli anni novanta è responsabile della sezione archeologica del Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro. Nel 2003 durante scavi da lui diretti a Pantelleria vengono trovati tre ritratti imperiali romani. Nel 2004 è nominato come primo Sovrintendente del Mare da parte dell’assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana. Ha organizzato missioni archeologiche in Italia, Pakistan, Iran e Iraq[3]. Nel 2005 ha guidato gli scavi a Mozia, riportando alla luce, sulla strada sommersa che conduce all’isola, delle strutture identificabili come banchine. Nel 2008 ha realizzato un film documentario con Folco Quilici sulla preistoria mediterranea a Pantelleria. Gli scavi da lui promossi, e condotti sul campo da Fabrizio Nicoletti e Maurizio Cattani, hanno anche confermato il ruolo di Pantelleria come “crocevia per i mercanti” in epoca antichissima. Abbandonata la ricerca sul campo, si occupa di amministrazione dei beni culturali nei ruoli della Regione Siciliana, guidando la soprintendenza di Trapani. Nel gennaio 2010 è stato nominato Socio Onorario dell’Associazione Nazionale Archeologi. Nel 2012 torna a dirigere la Soprintendenza del Mare. Dagli anni 2000 è docente di Archeologia Marina nel corso di laurea triennale in Biologia Marina, con sede a Trapani, dell’Università degli Studi di Palermo. È professore di Paletnologia presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e docente a contratto alla Scuola di Lettere e Beni culturali dell’università degli studi di Bologna. Docente a contratto (2015-2016) presso l’Università Philipps di Morburgo (Germania).

Andrea Montanari – Giornalista. Direttore del Tg1 dal 15 giugno 2017.
Entrato in Rai nel 1991 come redattore al Giornale Radio 2, poi lunga trafila al Tg1: inizialmente cronista parlamentare e inviato al seguito del presidente del Consiglio, nel 2007 diventa caporedattore, nel 2009 quirinalista e nel 2013 vicedirettore e responsabile dell’edizione delle 20. Dall’agosto 2016 al giugno 2017 è direttore della testata Giornale Radio e di Radio1.

Fabio Rosciglione – Co-fondatore della società Moleskine, sin dalla sua fondazione negli anni 90 ha ricoperto il ruolo di Responsabile commerciale e Direttore Marketing, definendo le strategie di distribuzione globale dell’azienda e costruendone la rete di vendita su scala mondiale. Alla fine del 2014 diventa Senior Advisor. Dalla fine del 2015 non ricopre più alcuna posizione all’interno dell’azienda.

Ha lavorato come CEO e consulente di marketing strategico per numerose aziende di design, affiancando all’esperienza professionale attività di formazione presso aziende private e università.

Grazie alla sua passione per i viaggi e la vela, ha dato vita a numerosi progetti ispirati al tema della solidarietà, alla diffusione del sapere e allo scambio culturale.

Attualmente si dedica ad attività non-profit orientate a favorire il dialogo e lo scambio interculturale tra i popoli che vivono sul mare.

Paolo Frascani – Docente di Storia economica e sociale presso l’Istituto Universitario Orientale, dove ha ricoperto la carica di Direttore di Dipartimento e quindi Preside di Facoltà. Ha effettuato ed effettua presso Biblioteche e Archivi d’Italia e di Europa ricerche di Storia economica e sociale dell’Italia contemporanea sul tema dello sviluppo economico, della finanza pubblica, della sanità, delle professioni liberali, dell’economia marittima. Ha collaborato e collabora con enti pubblici e privati per la realizzazione di iniziative volte alla valorizzazione di beni culturali e alla organizzazione di percorsi di formazione post-laurea. In particolare fa parte del Comitato Scientifico dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, è stato tra i fondatori del primo Master di Operatore allo Sviluppo del Mezzogiorno che attualmente dirige ed ha elaborato il progetto per la costituzione del Museo del Mare di Napoli.

Sezione Narrativa

Alessandro Baricco (Presidente) –Nasce a Torino il 25 gennaio 1958. Si laurea in Filosofia con una tesi in Estetica e studia contemporaneamente al Conservatorio dove si diploma in pianoforte. L’amore per la musica e per la letteratura ispireranno sin dagli inizi la sua attività di saggista e narratore.
Come saggista esordisce con Il genio in fuga. Due saggi sul teatro musicale di Gioacchino Rossini (Il Melangolo, 1988; Einaudi, 1997). Castelli di rabbia (Rizzoli, 1991; Universale Economica Feltrinelli, 2007), suo primo romanzo, Premio Selezione Campiello e Prix Médicis Etranger, è un’autentica rivelazione nel panorama della letteratura italiana e ottiene il consenso della critica e del pubblico. Seguono Oceano Mare (Rizzoli, 1993; Universale Economica Feltrinelli, 2007), Premio Viareggio e Premio Palazzo al Bosco; il monologo teatrale Novecento (Feltrinelli, 1994) da cui Giuseppe Tornatore trae il film La Leggenda del pianista sull’oceanoSeta (Rizzoli, 1996; Fandango Libri, 2007), portato sullo schermo da François Girard con una produzione e un cast internazionali; City (Rizzoli, 1999; Universale Economica Feltrinelli, 2007) e Senza sangue (Rizzoli, 2002), tutti tradotti all’estero e recensiti dalle maggiori testate internazionali, dal “Guardian” al “New York Times”, da “Libération” a “Le Monde”. Altri suoi titoli sono: Emmaus (2009), Mr Gwyn (2011), Tre volte all’alba (2012), Il nuovo Barnum (2016).
Tra i saggi, L’anima di Hegele le mucche del Wisconsin (Garzanti, 1993); Barnum. Cronache del Grande Show (Feltrinelli, 1995) che raccoglie gli articoli comparsi nell’omonima rubrica curata ogni mercoledì sulle pagine culturali del quotidiano torinese “La Stampa” e Barnum 2Altre Cronache del Grande Show (Feltrinelli, 1998), in cui sono raccolti gli articoli frutto della collaborazione con “la Repubblica”; è del 2002 Next. Piccolo libro sulla globalizzazione e sul mondo che verrà.
Compare in televisione nelle trasmissioni culturali “L’amore è un dardo”, sull’opera lirica, e “Pickwick”, dedicata ai libri.
Tra le attività teatrali che lo vedono autore, regista e interprete, dopo i successi di Totem (di cui Fandango Libri ha pubblicato il libro nel 1999, Rizzoli due videocassette nel 2000 e Einaudi una videocassetta nel 2003) e di City Reading Project per il Romaeuropa Festival 2002 che ha dato origine a un volume fotografico (Rizzoli 2003), Baricco ha realizzato Omero, Iliade, in tre serate, pubblicando poi il libro (Feltrinelli, 2004). Nel 2003 pubblica per Dino Audino Editore la sceneggiatura di Partita Spagnola, di cui è autore con Lucia Moisio. A Questa storia (Fandango Libri, 2005; Universale Economica Feltrinelli, 2007), è seguito I Barbari. Saggio sulla mutazione (Fandango Libri, 2006; Universale Economica Feltrinelli, 2008), precedentemente pubblicato a puntate su “la Repubblica”. Infine, datato novembre 2007: una lettura interpretata (e ridotta) di Moby Dick.
Nel 1994 ha ideato e fondato la Scuola Holden a Torino, di cui è preside, e dal 2005 è socio di Fandango Libri.

Daria Bignardi – Vive a Milano dal 1984 e in questa città ha iniziato la sua attività di giornalista. Nel 1988 entra a Chorus, mensile di Leonardo Mondadori. Diventata giornalista professionista nel 1992, ha collaborato con varie testate: Panorama, Sette, La Stampa. Già dall’anno precedente iniziava a lavorare per radio e televisione, prima con Gad Lerner, poi con Gianni Riotta per la trasmissione Milano Italia su RaiTre. Ha diretto per due anni il mensile Donna di Hachette. Da aprile 2005 scrive e conduce il programma Le invasioni barbariche per La7, quindi su Rai Due il programma Era glaciale.
Ha ricevuto molti riconoscimenti, tra i quali il Premio Flaiano, due Telegatti (nel 2000 e nel 2007), due Oscar tv (nel 2001 e nel 2007), il Premiolino, l’Oscar del Riformista, il Premio Ideona e il Premio Alghero. Nel 2008 pubblica con Mondadori il suo primo romanzo, intitolato Non vi lascerò orfani (che vince il Premio Rapallo, il Premio Elsa Morante per la narrativa e il Premio Città di Padova), al quale farà seguito nel 2010 un secondo libro, Un karma pesante. Due anni dopo esce, sempre per Mondadori, Un’acustica perfetta. Del 2014 è L’amore che ti meriti; del 2015 Santa degli impossibili. Per più di 10 anni Daria Bignardi ha tenuto una rubrica di libri su Radio Dee Jay intitolata “la Mezz’ora di Daria”. Collabora con varie riviste, tra cui Vanity Fair, e i suoi libri sono tradotti in varie lingue.

Valeria Parrella – Scrittrice italiana, si è laureata in Lettere Moderne all’Università di Napoli con una tesi in glottologia. In seguito si è specializzata come interprete della Lingua Italiana dei Segni e ha lavorato all’E.N.S. di Napoli, dove vive.
Ha esordito nel 2003 con una raccolta di sei racconti intitolati Mosca più balena edita dalla casa editrice Minimum Fax con la quale ha vinto il Premio Campiello Opera Prima.
Diversi racconti della giovane autrice sono apparsi nell’antologia Pensa alla salute pubblicata da l’ancora del mediterraneo nel 2004. Sempre nel 2004 ha pubblicato nell’antologia La qualità dell’aria il suo racconto Verissimo e nel 2005 un’altra raccolta di racconti, Per grazia ricevuta, libro arrivato tra i cinque finalisti al Premio Strega dello stesso anno e vincitore del Premio Renato Fucini per la miglior raccolta di racconti. Nel 2007 pubblica con Bompiani Il Verdetto.
Nel 2008 pubblica con Einaudi il suo primo romanzo, Lo spazio bianco, da cui Francesca Comencini ha tratto l’omonimo film. Per Rizzoli ha pubblicato Ma quale amore (2010), seguito da Lettera di dimissioni (Einaudi 2011) e Tempo di imparare (Einaudi 2014).
È autrice dei testi teatrali Il verdetto (Bompiani 2007), Tre terzi (Einaudi 2009, insieme a Diego De Silva e Antonio Pascale), Ciao maschio (Bompiani 2009), Antigone (Einaudi 2012), Euridice e Orfeo (Bompiani, 2015) e Dalla parte di Zeno (Teatro Nazionale di Napoli, 2016). Per Ricordi, in apertura della stagione sinfonica al Teatro San Carlo, ha firmato nel 2011 il libretto Terra su musica di Luca Francesconi. Ha inoltre curato la riedizione italiana de Il Fiume di Rumer Godden (Bompiani 2012). Da anni si occupa della rubrica dei libri di «Grazia» e collabora con «La Repubblica».

Elisabetta Montaldo, costumista e scrittrice. Ha studiato al Liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha insegnato pittura, è stata assistente costumista con Nanà Cecchi dall’ 83 all’ 88 per lirica, teatro e cinema. Dall’88 firma costumi per cinema, teatro , lirica, TV movie. In pubblicità ha lavorato con importanti registi come Giuseppe Tornatore, Marco Brambilla, Patricia Murphy, Joe Potka e Bigas Luna. Tra i riconoscimenti: 1997 – nomination “Nastri d’Argento” per il film “Il figlio di Bakunin”. 2001 – riceve il Premio “David di Donatello” per il film “I cento passi”; 2001 – riceve il “Ciak d’oro” per i costumi per il film “I cento passi”; 2004 – riceve il “Ciak d’oro” per i costumi per il film “La meglio gioventù”; 2004 – nomination Premio “David di Donatello” per il film “La meglio gioventù”; 2004 – nomination “Nastri d’Argento” 2004 per il film “La meglio gioventù”; 2009 – riceve il Premio “David di Donatello” per il film “I demoni di San Pietroburgo”; 2010 – riceve la Medaglia d’Oro “Una vita per il cinema”.

Fabio Masi, nato nel 1969. Da una decennale esperienza di libraio, Assolibro a Genova, a fondatore e gestore di piccole librerie indipendenti negli ultimi anni, (gli anni della massima crisi per le librerie). L’ultima spiaggia a Ventotene, dove è anche editore di diversi libri dedicati all’isola e “L’Ultima spiaggia a Camogli alcuni anni fa”, “L’amico ritrovato nel centro storico di Genova”.È stato anche consulente nell’apertura della libreria Nutrimenti di Procida.